Il mistero dell’impronta del diavolo nella Cattedrale di Monaco

La Frauenkirche è la Cattedrale di Monaco di Baviera o Cattedrale di Nostra Signora, sede dell'Arcivescovo di Monaco e Frisinga. E' uno dei simboli più importanti e famosi della Germania, nonché luogo di storia e arte.

La Chiesa venne commissionata da Sigismondo di Baviera e i progetti vennero portati avanti da Jörg von Halsbach e successivamente da Lucas Rottaler. Fu costruita sopra i resti di un'antica basilica romanica in perfetto stile gotico, con campanili alti quasi cento metri caratterizzati dalla punta a cipolla.

L'interno è costituito da tre navate, spartane a causa degli sfregi subiti durante la guerra però possiamo notare diversi elementi che la contraddistinguono. Primo tra tutti è il monumento funebre di Ludovico il Bavaro. Il sarcofago dell'imperatore è circondato dalle statue di quattro cavalieri, rappresentanti la pace e la guerra. Poi si possono ammirare diversi bassorilievi e una statua a grandezza naturale di San Giorgio .

Sotto la Cattedrale è possibile visitare la cripta che ospita le spoglie di Ludovico il Bavaro e di Ludovico III di Baviera.

La parte interessante della cattedrale però è la leggenda che fa da contorno alla sua costruzione.

L’architetto che progettò la cattedrale di Monaco fece una scommessa con il diavolo, impegnandosi a fare una chiesa senza finestre. A costruzione ultimata, il Diavolo venne a controllare e vide che la chiesa, seppur luminosa all’interno, non aveva finestre. L’architetto riuscì ad imbrogliare il diavolo grazie ad un effetto ottico. Egli posizionò i pilastri in modo tale che dal punto in cui si trova la cosiddetta “impronta del diavolo” non si vedono le vetrate.

La leggenda narra anche che, fatto un passo avanti, il diavolo si accorse di essere stato imbrogliato e scatenò una tempesta di vento. Nei giorni freddi, quando il vento soffia forte nei dintorni della Fraukirche, sembra davvero di sentire la rabbia del demonio.

Sono stata alla Cattedrale durante una gita scolastica e vi posso dire che è spettacolare. L'impronta è particolare; è enorme, talmente grande che nemmeno i maschi della classe (con il loro piedone) riuscirono a riempirla.

Non so dirvi se la storia della rabbia del diavolo sia vera poiché il giorno in cui la visitai il tempo era molto piacevole e non so se la leggenda in sé sia solo una storia o abbia un fondamento, posso solo dire che chiunque visiti Monaco dovrebbe visitarla anche solo per la sua struttura.

Lascia un Commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *