Furto di gioielli a Venezia. Catturata la banda

VENEZIA - Dopo un anno di indagini alla fine la banda dei gioielli del Maharajà è stata catturata.

La polizia croata ha arrestato cinque persone, sospettate di aver rubato i gioielli della collezione Al Thani, compiuto il 3 gennaio scorso a Palazzo Ducale a Venezia. Furto avvenuto durante la mostra "Tesori dei Moghul e dei Marahajà".

La banda aveva trafugato un paio di orecchini di platino con diamante e una spilla con un rubino (valore complessivo di due milioni di euro) di proprietà dello sceicco Hamad bin Abdullah Al Thani, cugino dell'emiro del Qatar.

Gli arrestati sono quattro croati e un serbo, di età compresa tra i 43 e i 60 anni. Arrestati nella zona tra Zagabria e Istria grazie alla collaborazione con gli inquirenti italiani.

Uno dei membri della banda sarebbe membro della Pink Panther, noto gruppo criminale colpevole di vari furti in Europa. L'uomo era ricercato in Svizzera per un furto di gioielli del valore di circa dieci milioni di euro.

Le autorità sospettano che dietro il colpo ci sia un aiuto, una talpa che ha aperto la teca permettendo ai ladri di rubare i preziosi e poi fuggire indisturbati. Dietro questa persona di nasconderebbe una donna residente nel veneziano e che potrebbe aver avuto accesso diretto alla sala.

 

Lascia un Commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *