Dissotterrata tomba faraonica a Luxor, Egitto

Sulla riva est del Nilo, sorge Luxor, la capitale dei faraoni nel loro periodo d'oro, dal XVI all'XI secolo a.C.

Oggi Luxor ingloba due antichi e maestosi monumenti superstiti: l'elegante tempio di Luxor e, circa 1 chilometro a nord, il tempio di Karnak.

Recentemente nella città sono state svolti degli scavi archeologici che hanno portato alla luce una nuova tomba faraonica che risale all'era di Ramesside, Faraone vissuto tra il 1291 e il 1080 a.C. e appartenente alla diciannovesima dinastia.

All'interno della tomba sono state rinvenute due mummie di uno scriba reale e sua moglie, geroglifici della dea Mut e del dio Amon e un migliaio di statue e papiri.

E' stata trovata questa tomba con dei dipinti ancora intatti e molto belli che raffigurano la regina Ahmose-Nefertari e molti altri reperti, tra questi i due sarcofagi.

La missione è partita a marzo, ma dal sito archeologico di Luxor sono già state individuate altre tombe simili che secondo gli archeologi appartengono ad una zona nella quale, presumibilmente, vennero sepolti all'epoca diversi alti dignitari dei faraoni.

Il sepolcro è formato da un ingresso che conduce prima ad una sala, poi alla camera funeraria.

Lascia un Commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *